BT Arise II - шаблон joomla Продвижение
  • slied1

    slied1

  • slied2

    slied2

  • slied3

    slied3

Ultime Sentenze

Newsletter Terracino
Rimani aggiornato con le nostre news

Richiesta Informazioni

Ultime News

TARIFFE A 28 GIORNI GLI OPERATORI OFFRONO INDENNIZZI

Post on 27 Giugno 2019

L'Autorità garante delle Comunicazioni aveva chiesto agli operatori telefonici Wind-Tre, Fastweb, Vodafone e Tim di rimborsare i propri clienti dei giorni sottratti che erano circa 2-3 al mese a seguito della fatturazione a ventotto giorni. Era stato chiesto nel dettaglio di spostare in avanti l’addebito del mese in base ai giorni sottratti. Per questo il cliente non avrebbe dovuto pagare un mese circa di canone, ovviamente a seconda dei casi.

I quattro operatori telefonici, però, si sono opposti a tale regola facendo ricorso al Consiglio di Stato ed al Tar. L’Agcom ha quindi previsto che essi potranno offrire delle forme di compensazione alternativa a quella pecuniaria ai propri clienti. Qualora questi ultimi dovessero accettarle, però, perderanno in automatico la possibilità di ricevere il rimborso standard.

Le offerte alternative di Vodafone al rimborso
Vodafone propone come piano compensativo alternativo al rimborso per la fatturazione a 28 giorni 50 gigabyte di internet in 4G per 1 mese sulla sim card associata alla rete fissa nonché 5 voucher che si potranno scoprire collegandosi al sito voda.it/voucher. Chi chiederà i codici e l’attivazione dell’opzione perderà di fatto il diritto alla restituzione di quanto previsto dalla delibera dell’Agcom 269/18/Cons. Per poter attivare il piano compensativo, però, si dovrà rispondere al messaggio di Vodafone “Si”.

Tim e il piano compensativo, le info
Tim, invece, ha deciso di offrire ai suoi clienti, attivi prima della data del 31 marzo 2018 e soggetti a fatturazione a 28 giorni, la possibilità di attivare una promozione gratuita fino al 31 ottobre 2019. Essi potranno scegliere tra Tim Vision e quindi fruire della tv di Tim con tutti i suoi contenuti, il servizio “Chi è” grazie al quale si potrà visualizzare il numero di chiama sul display del proprio apparecchio telefonico di casa o “Extra Voice”, servizio mediante il quale sarà possibile chiamare numeri fissi e mobili nazionali senza limiti.

Infine si potrà scegliere tra “Max Speed” per navigare in internet alla massima velocità fino a 100 Mbit al secondo o “Voce Internazionale” per chiamare telefoni fissi di Canada, Europa Occidentale e Stati Uniti senza limiti.
Il cliente avrà la possibilità di scegliere uno tra questi servizi non ancora attivi sulla sua linea e sfruttarlo in forma del tutto gratuita per sei mesi. Al termine di tale periodo, poi, esso verrà disattivato in automatico senza nessun onere per il cliente. Qualora non si accetti nessuna delle offerte su indicate si potrà chiedere a Tim la restituzione dei giorni erosi con fatturazione a ventotto giorni mediante i soliti canali conciliativi.

Wind-Tre e Fastweb: le offerte alternative al rimborso
Nel caso di Wind-Tre, i clienti interessati dalla fatturazione a ventotto giorni sia di rete fissa che convergente potranno collegarsi all’area clienti per conoscere tutte le offerte a loro dedicate. Tra queste segnaliamo giga gratuiti ed acquisto per telefoni cellulari. Il catalogo, in ogni caso, sarà in continuo aggiornamento e alcune delle offerte proposte saranno limitate.

Infine Fastweb, oltre alle numerose proposte che si potranno visionare nella propria pagina personale, ha presentato ad aprile il servizio “Wow Space” ovvero lo spazio illimitato sul cloud per caricare musica, foto o altri file del cellulare. Tale offerta, però, al momento risulta essere scaduta ma l’operatore dal logo giallo ha comunicato ai clienti che proporrà nuove soluzioni che si potranno visualizzare nella propria area clienti.

Anche se le offerte proposte siano legittime e legali, ma non sono quantificabili in denaro. Potrebbero, quindi, non essere un vantaggio per il cliente. Pertanto, è opportuno attendere il 4 luglio 2019, data in cui il Consiglio di Stato dovrebbe pronunciarsi sulla vicenda